Il Val di Noto e i tesori del barocco siciliano

Il Val di Noto e i tesori del barocco siciliano

La più bella regione d’Italia: un’orgia di colori, di profumi, di luci, una grande goduria” (Sigmund Freud)

E’ esattamente questa la Sicilia, un’Isola dalla bellezza straordinaria caratterizzata dalla convivenza di numerosi stili architettonici e culturali lasciati in eredità dalle diverse dominazioni che sono passate da qui. Parlando poi della sua parte sud-est, non basterebbero interi trattati a descriverne lo splendore! Qui si concentra infatti un’altissima percentuale di siti Unesco Italiani. Il Val di Noto, in particolare, racchiude esempi unici del barocco siciliano.

Questo territorio – che prende il nome dalla città di Noto, in provincia di Siracusa, dove probabilmente era ubicata la sede del governatore del Vallo – nel 2002 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco proprio per la presenza delle sue 8 città tardo barocche: Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli. Queste città esistevano già in epoca medievale, ma vennero quasi tutte interamente ricostruite dopo il terribile terremoto del 1693, sopra o nelle vicinanze dei resti di quelle distrutte dallo stesso terremoto. La ricostruzione avvenne seguendo lo stile architettonico predominante dell’epoca, il barocco, e le città risorsero così dalle ceneri ancora più belle. In ogni loro aspetto – pianificazione urbana, architettura, decorazioni dei palazzi – manifestano quello che fu il periodo più fiorente di questo stile in Europa.

I monumenti civili e religiosi, le candide spiagge, le riserve naturali, il clima e ancora l’eccellente gastronomia del Val di Noto, richiamano ogni anno migliaia di turisti: si tratta infatti di una delle mete più ambite quando si parla di vacanze in Sicilia. Andando alla scoperta di quest’area, un itinerario che coniuga cultura, natura e paesaggi mozzafiato è quello che attraversa Ragusa, Cava d’Ispica, Modica, la Riserva Naturale di Vendicari e Siracusa: luoghi di rara bellezza che vi faranno scoprire le particolarità del barocco siciliano e una natura incontaminata.

Ragusa

La città conta oltre 71.750 abitanti ed è divisa in due zone: Ragusa e Ibla. Le sue origini sono antichissime (risalgono infatti al II millenio a.C.) ma è solamente con la dominazione greca che essa assunse l’aspetto di una cittadina. COSA VEDERE: Piazza San Giovanni  dove si trova l’omonima Cattedrale  – eretta intorno ai primi anni del 1700; la Chiesa del collegio di Santa Maria Addolorata, in stile neoclassico anche se con tracce barocche; la Chiesa di Santa Maria delle Scale, caratterizzata dalla compresenza dei diversi stili che si sono succeduti nelle diverse epoche; la Chiesa di Santa Maria dell’Itria, famosa per la splendida cupola colorata e per le antiche origini. A Ragusa Ibla si trova invece la Cattedrale di San Giorgio, una delle massime espressioni dell’architettura sacro barocca.

Modica

Modica è una delle più suggestive città della Sicilia sud-orientale, grazie alla presenza di numerosi edifici in stile barocco ed alla sua posizione geografica. Essa sorge, infatti, nell’area meridionale dei monti iblei e sembra quasi essere incastonata tra queste montagne, fattore quest’ultimo che la rende simile ad un presepe. COSA VEDERE: Il Duomo di San Giorgio, inserito nella Lista Mondiale dei Beni dell’Umanità dell’UNESCO, è l’edificio religioso più importante della città di Modica, nonché uno dei più imponenti della Sicilia sud – orientale; la Chiesa di San Pietro con la sua magnifica scalinata sulla quale sono ubicate le statue dei 12 apostoli; La Torre dell’orologio, simbolo della città, e ancora le numerose pasticcerie che producono artigianalmente il famoso cioccolato modicano.

Siracusa

Nell’antichità, Siracusa fu una delle città più importanti del Mediterraneo e, ancora oggi, visitando la città è possibile riscoprire le vestigia di questo suo illustre passato: dall’imponenza dei monumenti greci agli splendori del centro storico barocco di Ortigia. Quest’ultima è caratterizzata da stretti e caratteristici vicoletti, da un colorato mercato, da una splendida vista sul porto grande di Siracusa ma anche da tanti monumenti: Il Tempio di Apollo, risalente al VI secolo a.C., è il più antico tempio dorico greco giunto fino a noi; Il Duomo di Siracusa con la sua splendida facciata in stile barocco e rococò; la Fonte Aretusa, uno dei più bei monumenti di Siracusa, situato nel cuore del centro storico.

Cava d’Ispica e la Riserva Naturale di Vendicari

L’area archeologica e naturalistica di Cava d’Ispica, è un vero è proprio canyon naturale che taglia gli altipiani iblei. Questa valle, lunga 13 Km, è ricca di grotte di straordinaria importanza storico-archeologica: visitandola è dunque possibile scoprire le tracce umane lasciate dall’età preistorica fin quasi ai giorni nostri. La Riserva Naturale di Vendicari è sita invece in provincia di Siracusa, precisamente tra Noto e Marzamemi. Frequentemente vi ritroverete davanti a paesaggi mozzafiato e ad una vegetazione fitta che si apre improvvisamente ad un mare cristallino!

La Sicilia barocca è anche regina del Cinema e della tv. La maggior parte delle “location” utilizzate per gli episodi della fiction Il “Commissario Montalbano“, sono localizzate nella provincia di Ragusa, così come quelle di moltissimi film di grandi registi come Pietro Germi (Divorzio all’Italiana, 1962), Luchino Visconti ( Il Gattopardo, 1963), Giuseppe Tornatore (L’uomo delle stelle, 1995), Giuseppe Garrone ( Lu cuntu di li cunti, 2015) e molti altri ancora.

Dulcis in fundo…la Gastronomia! I piatti tipici sono quelli della tradizione contadina, rimasta immutata nei secoli: le focacce, i ravioli fatti in casa, il bollito con gli straccetti, gli “Mpanatigghi”. Vere delizie per il palato!

Non si dimentica facilmente un viaggio nel sud est della Sicilia. Grazie al connubio tra cultura, sapori, odori e calorosità della gente del luogo…comprenderete il perché è facile essere felici in questo territorio baciato dal sole!

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. .

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi